Benvenuti a
ROCCA GRIMALDA

COMUNE DI ROCCA GRIMALDA

Visita

All’inizio del paese troviamo il Castello, che nel XIII secolo era una costruzione militare e venne trasformato prima con la famiglia Trotti, poi con i Grimaldi, in residenza nobiliare dotata di ali rinascimentali e un giardino panoramico. L’edificio si caratterizza per una torre circolare ricavata nelle mura che un tempo ospitavano le prigioni. Oggi, nel castello, troviamo un bellissimo B&b e nelle cantine vengono prodotti i vini del territorio. Poco distante si trova la Parrocchia di San Giacomo Maggiore. Databile al XIII secolo, venne citata a partire dal 1577. I primi lavori di rifacimento che portarono alla chiesa attuale sono della fine del ‘700; l’interno è a tre navate e, nella controfacciata, è sistemato l’organo del 1845.

La Chiesa di Santa Limbania, patrona dei mulattieri, sorge all’estremità sud-orientale del paese, su un’imponente altura. L’edificio potrebbe risalire all’Alto medioevo e poi modificato nel XVI e XVII secolo. Tornando verso il centro sostiamo sulla terrazza del Belvedere Marconi dove si può godere di una bellissima vista dei paesi del circondario. Presenti, nel centro del borgo, anche due oratori, quello di San Giovanni Battista e quello di Santa Maria delle Grazie caratterizzati, entrambi, dalla presenza di casse processionali del XVIII secolo.

Rocca Grimalda
roccag2 07 08

Rocca Grimalda

Rocca Grimalda
roccag 05 06

Rocca Grimalda

Rocca Grimalda
img-20191220-wa0026 02 03

Rocca Grimalda

Storia
Alcuni ritrovamenti archeologici farebbero risalire i primi insediamenti di Rocca Grimalda all’epoca pre-romana. Nel 963 il paese rientrò fra i territori dei Marchesi del Monferrato per poi diventare, durante il XIII secolo, possesso dei Marchesi di Gavi e, poi, dei genovesi. Dopo varie vicende venne ceduto, nel XV secolo, alla famiglia Grimaldi, che ne mantenne il possesso fino al XIX secolo e che diede al paese il suo nome. Dal 1736 Rocca Grimalda entrò nell’orbita del Regno di Sardegna e seguì le sorti del Piemonte con i Savoia.

Curiosità
Il Carnevale della Lachera, che si svolge a fine febbraio, è un insieme di danza e rappresentazione teatrale che si fa risalire alla rivolta del popolo contro il signore del paese che pretendeva di esercitare lo Jus Primae Noctis sulle spose. La sfilata mette in scena un chiassoso corteo nuziale ricco di personaggi, suoni, fiori e nastri colorati. Legandosi a questa festa è nato, nel 2000, il Museo della Maschera con l’intento di conservare e raccogliere il materiale legato all’abbigliamento cerimoniale. Oltre agli abiti della Lachera, sono esposti costumi e maschere che accompagnavano le tradizionali feste italiane ed europee.

FOLKLORE / APPUNTAMENTI

I primi di agosto nella frazione San Giacomo si svolge la Sagra dei Ravioli e del Bollito Misto. A fine agosto non si può mancare alla famosa Festa della Perbureira: una segretissima ricetta a base di lasagne e fagioli. Ad ottobre l’appuntamento è con “Castagne e Vino”.

INFO

Palazzo del Municipio
15078 ROCCA GRIMALDA (AL)
tel. 0143 873121 – fax 0143 873494

www.comuneroccagrimalda.it
turismo@comuneroccagrimalda.it
altitudine sul livello del mare m. 280


IAT – Informazione ed Accoglienza Turistica – OVADA

Via Cairoli 107
Tel. e Fax: 0143 821043
e-mail: iat@comune.ovada.al.it

ORARIO ESTIVO (da Marzo a Dicembre)
Lunedì CHIUSO
Martedì e Domenica: 9:00-12:00
Da Mercoledì a Sabato: 9:00-12:00 e 15:00-18:00

ORARIO INVERNALE (Gennaio e Febbraio)
Lunedì e Domenica CHIUSO
Martedì: 9:00 -12:00
Da Mercoledì a Sabato: 9:00-12:00 e 15:00-18:00


Informativa Privacy [Leggi]